Elena è stata prima di tutto un'amica.
Compagna di tante esperienze scout, certo. Ma innanzitutto un'amica.
Lo scoutismo è stato il luogo dove questa amicizia è potuta crescere, maturare, diventare qualcosa di unico e speciale. Il luogo dove lo spirito di altruismo che la animava in tutto quello che faceva è diventato spirito di Servizio. Tutti quelli che hanno avuto a che fare con lei, non se ne sono andati senza ricevere almeno una volta uno dei suoi sorrisi, di quelli che dispensava a piene mani, così gioiosa nel donarsi agli altri con tutti i suoi pregi e i suoi difetti. Ed è nel vivere questo Servizio che la nostra sorella Elena ha preso la Partenza verso la Casa del Padre, l'8 dicembre 2008, nei pressi di Schignano. 

La dedicazione della casa a lei non vuole solo essere un nome scolpito su una targa, ma vuole rendere viva testimonianza di ciò che Elena è stata per tutti quelli che l'hanno conosciuta: una donna della Partenza, sempre pronta a Servire senza risparmiarsi, donando gioia a chi la circondava. 

Poco lontano dalla casa, salendo a Pian d'Erba, ai piedi di due faggi secolari, è posta una cappellina in pietra con una Madonnina. Questo posto è quello dedicato a Elena, nel suo ricordo infinito...


 
...é il tempo che hai impiegato per noi,
che ti ha fatto diventare così importante per noi! "